LA MAGGIORANZA DEVIANTE. L'ideologia del controllo sociale totale

F. Basaglia, F. Ongaro Basaglia, Baldini Castoldi Dalai Editore, Milano, 2010

Si tratta della riedizione del libro uscito per la prima volta nel 1971 per Giulio Einaudi Editore.

"In La maggiornaza deviante, pubblicato per la prima volta nel 1971, Franco Basaglia e Franca Ongaro Basaglia analizzano, con l'aiuto di eminenti contributi, la tipologia della devianza e il suo inserimento all'interno del contesto psichiatrico, sociale ed economico.

Nel momento storico in cui gli autori scrivevano, il fenomeno delle devianze era troppo spesso, nel nostro Paese, "relegato" all'interno dell'ideologia medica o giudiziaria, senza avere alcuna valenza di tipo sociologico, come stava invece iniziando ad accadere negli Stati Uniti. In Italia la cultura psichiatrica si allineava alla situazione economica e considerava la diversità come un'esasperazione della differenza tra gli opposti, tra salute e malattia, norma e devianza.

Un grosso problema che Basaglia mette in luce è costituito inoltre dall'organizzazione sociale, perchè la vecchia ideologia custodialistico-punitiva è insufficiente alla totalizzazione del controllo, in corrispondenza con lo sviluppo del capitale.

Non esiste una qualificazione precisa in cui inquadrare il deviante e, inoltre, sancendone l'interdisciplinarietà tipologica, si stabiliscono i limiti e le modalità delle sue azioni, riducendo o cancellando qualsiasi significato implicito nel suo comportamento."

Sommario:

Franco e Franca Basaglia L'abito stretto. L'ideologia della diversità. I colletti neri. Edwin Lemert La paranoia e la dinamica dell'esclusione. Franco e Franca Basaglia L'obiettività del potere. La maggioranza deviante. Jurgen Ruesch L'inabilità sociale Il problema del disadattamento nella società Franco e Franca Basaglia L'impossibile strategia. La malattia e il suo doppio. Gianni Scalia La ragione e la follia.

torna agli Scritti