LA NAVE CHE AFFONDA

F. Basaglia, F. Ongaro Basaglia, A. Pirella, S. Taverna, Raffaello Cortina Editore, 2008

Si tratta della riedizione del libro uscito per la prima volta a cura di S. Taverna, Savelli, Roma 1978.

"Quello che presentiamo qui è un documento che viene dall'interno di un'esperienza calda, la battaglia contro i manicomi combattuta da Franco Basaglia, prima a Gorizia e poi a Trieste. Un documento che riporta alla fine degli anni Settanta con un consuntivo spregiudicato a più voci. Un documento che sembra lontano, ma che è straordinariamente vicino a noi. Nella casa di Venezia di Franco Basaglia si svolgono ore di animata conversazione. Con Franco Basaglia ci sono Agostino Pirella, un altro dei principali protagonisti di quella stagione, Franca Ongaro Basaglia, intellettuale e politica, coautrice con Basaglia stesso di molti testi, e un giornalista, Salvatore Taverna, che conosce bene il problema del disagio psichico. Il documento è aperto e pungente, diretto, non indugia in intellettualismi né giri di parole. Leggerlo oggi produce un piccolo shock, e una quantità di pensieri."

Sommario:

Premessa a un documento. (Mario Colucci, Pier Aldo Rovatti) – Psicommedia. (Salvatore Taverna) – La nave che affonda. – Appendice – Trieste: dove va la psichiatria. – “Attenti a coloro che vogliono aiutarci”.

torna agli Scritti