notizie e info

Il 10 dicembre a Cagliari, presso l'Aula Magna della Corte d'Appello di Cagliari, dalle ore 9 alle 18 si terrà la Conferenza nazionale per la Salute Mentale convocata dalle Associazioni che hanno dato vita all’assemblea nazionale di Roma “Salute  Mentale:  Libertà,  Diritti,  Servizi” (Roma  11  –  12  maggio  2018)  nel 40esimo della legge 180. Il percorso  che  si  apre  a Cagliari nei  prossimi  mesi  attraversa l’Italia, per arrivare alla Conferenza nazionale a giugno 2019.  
La  Conferenza  intende  essere  occasione di confronto  aperto e di partecipazione democratica, per valutare lo stato delle politiche e dei servizi per la salute mentale, la  necessità  di  un aggiornamento  dei  Livelli  Essenziali  di Assistenza  e  di  un  Nuovo Piano  Nazionale,  capaci  di  affermare  il  diritto  alla  tutela  della  salute  mentale, respingendo  qualsiasi  tentativo  di restaurare la  logica  manicomiale,  per  affermare invece i principi sanciti dalle leggi di Riforma 180 e 833 del 1978. Saranno presenti Gisella Trincas, Roberto Loddo, Daniele Piccione, Maria Mura, Mauro Carta, Nerina Dirindin, Luigi Arru, Fabrizio Storace, Giovanna Del Giudice, Antonello D'Elia, Gian Giacomo Pisotti, Maria Grazia Giannichedda, Veronica Asara, Vito D'Anza, Pier Paolo Congia, Augusto Contu, Massimo Paolucci, Jan Perinu, Alessandro Montisci, Gianfranco Pitzalis, Antonello Pittalis, Alessandro Coni,  Angela Lai, Stefano Cecconi, Gilberto Ganassi, Francesco Maisto, Giorgio Altieri, Daniele Pulino, Marco Porcu, Riccardo Curreli, Lucia Mastino, Cristina Ornano.

 

Lunedì 17 dicembre, dalle 17.30 alle 19, a Roma, presso la Sala Convegni del CSV del Lazio Cesv e Spes in Via Liberiana 17, sarà presentato il libro "Storia di Antonia. Viaggio al termine di un manicomio" di Dario Stefano Dell'Aquila e Antonio Esposito (Sensibili alle foglie, Edizione 2017).

Saranno presenti gli autori e dialogheranno con Stefano Anastasia, garante delle persone private della libertà personale Regione Lazio, Stefano Cecconi, Comitato StopOpg responsabile politiche dela salute CGIL nazionale, Claudia Demichelis, dottore di ricerca in antropologia, Fondazione Basaglia. Modera Maria Grazia Giannichedda, presidente Fondazione Basaglia.

Scarica la locandina

Il 22 novembre al Castello Sforzesco a Milano, alle 15 si terrà il convegno "Carla Cerati. Il '68 e 'Morire di classe'". Ecco il programma della serata:

Saluti e introduzione Assessore Filippo del Corno, Claudio Salsi, Silvia Paoli.

Interventi:

Alberta Basaglia, vicepresidente Fondazione Basaglia, Una storia, tanti incontri...

Gianni Berengo Gardin, fotografo, Fotografia come denuncia: Carla Cerati, io e Franco Basaglia

Cristina Casero, Università di Parma, Lo sguardo di Carla Cerati. Su “Morire di classe” e altri racconti

Lucia Miodini, CSAC Parma e ISIA Urbino, Carla Cerati racconti “in scena e fuori scena”. Intorno a “Morire di classe”: corpi, gesti, espressioni

Proiezione “Oltre la soglia”, di Ilaria Turba, 2006

Paolo Barbaro, CSAC Parma, La testimonianza dislocata. Carla Cerati al CSAC

Roberta Valtorta, critico e storico della fotografia, Percorso, 1977: Carla Cerati racconta quindici anni della vita di una donna

Silvia Mazzucchelli, redazione “Doppiozero”,  Oltre le gabbie l’uomo. Oltre l’umano il paradiso. Due esperienze di Carla Cerati

Giovanna Gammarota, critica indipendente, fotografa, Carla Cerati, spirito libero

Proiezione “Carla”, di Fiammetta Luino, 2016

La mostra a cura di Silvia Paoli e Elena Ceratti sarà aperta dal 23 novembre 2018 al 30 gennaio 2019 a Milano, Castello Sforzesco, sala conferenze Archivio Fotografico-Bertarelli, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17:30. Chiuso sabato e domenica. INGRESSO LIBERO

Scarica la locandina

Lunedì 19 novembre alle 16:00 a Pisa, presso il Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, il Centro Interuniversitario di Storia Culturale organizza "Due voci per la 180. Antonio Slavich, Franco Basaglia e la chiusura dei manicomi". Si discuterà dei libri "All'ombra dei ciliegi giapponesi" di Antonio Slavich (Edizioni Alpha Beta, collana 180, 2018) e "Conferenze brasiliane" di Franco Basaglia (Raffaello Cortina Editore, 2018) con Massimo Bucciantini, Università di Siena e Maria Grazia Giannichedda, sociologa, presidente Fondazione Basaglia. Modera il dibattito Vinzia Fiorino, Centro di Storia Culturale.

Scarica la locandina

 

Martedì 13 novembre alle 17:30 a Roma presso la Casa Internazionale delle Donne in via della Lungara 19, la Fondazione Basaglia in collaborazione con la Casa Internazionale delle Donne e la casa editrice Alpha beta, presentano All’ombra dei ciliegi giapponesi. Gorizia 1961 di Antonio Slavich. Un racconto autobiografico inedito del lavoro di Basaglia a Gorizia tra il 1959 il 1968, che raccoglie le prime emozioni, le paure e le speranze di due uomini accomunati da un impensabile progetto di cambiamento. Con Silvana Pisa ne parlano Gianluigi Di Cesare, Dirigente psichiatra, ASL RM1, Antonietta Di Cesare, Dirigente psicologa ASL RM2, Tommaso Losavio, Psichiatra, comitato scientifico Fondazione Basaglia. A coordinare l’incontro Giorgio Zanchini, giornalista e conduttore radiofonico RAI.

Per informazioni inviare una mail a Claudia Demichelis, Fondazione Basaglia, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 «Assieme, Basaglia e Slavich, messa tra parentesi la malattia, scoprono le persone, i loro bisogni e le loro storie. Nasce un altro modo di curare e di ascoltare: il malato e non la malattia, le storie singolari e non la diagnosi, le possibilità di vivere e di abitare la città. Gli internati diventano persone, individui, cittadini e l’assemblea goriziana diventa il cuore di un movimento destinato a sconvolgere il mondo» (Peppe Dell’Acqua).

Scarica la locandina